Astronomica Langrenus


Antiche denominazioni delle strutture lunari

Ancient named of the lunar features


      ATTENZIONE: Il testo inserito in questa pagina stato tratto dal DIZIONARIO DELLA NOMENCLATURA LUNARE di Vincenzo Garofalo, (sito www.codas.it) - Successivamente Astronomica Langrenus ha provveduto ad inserire le immagini su cui sono stati riportati i numeri di riferimento corrispondenti ad ogni singola struttura o regione lunare citata nel testo, al fine di una rapida individuazione delle stesse.  Si data la preferenza alle denominazioni meno note la maggior parte delle quali attualmente non viene pi utilizzata, ritenendo che possa risultare interessante la conoscenza del nostro satellite anche sotto questo aspetto.

A

1.      ADRIATICUM, MARE - Mare Adriatico: nella mappa lunare di Hevelius, del 1647, indicava la zona a sud-est di Copernicus e a nord-ovest del Sinus Medii.

2.      GIPTIACUM, MARE - Mare Egiziano: nella mappa lunare di Hevelius, del 1647, designava la zona pianeggiante a nord dell'attuale Mare Humorum e ad ovest dei Montes Riphus.

3.      AFRICA, PARS - Regione Africa: nella mappa di Hevelius (1647) indica i modesti rilievi lungo il bordo occidentale del disco lunare, pressappoco alla latitudine di Copernicus. Nome ormai in disuso.

4.      ALDROVANDI, DORSA - Dorsali Aldrovandi: sistema di corrugamenti nella zona sud-orientale del Mare Serenitatis, 24N / 29E; lunghezza 120 km.

5.      AMEGHINO - Piccolo cratere sul margine nord-orientale del Mare Fecunditatis, presso il Sinus Successus, 3,3N / 57E; diametro 9 km. Nelle sue vicinanze scesero Luna 18 e Luna 20. Ex Apollonius C.

6.      AMORIS, SINUS - Baia dell'Amore: profonda insenatura (circa 250 km) lungo la "costa" nord-orientale del Mare Tranquillitatis, 19N / 38E.

7.      ANDRUSOV, DORSA - Dorsali Andrusov: sistema di corrugamenti nella parte meridionale del Mare Fecunditatis, 1S / 57E; lunghezza 160 km.

8.      ARABIA, PARS - Regione Arabia: nella mappa di Hevelius (1647) indicava la zona lungo il margine meridionale del disco lunare.

9.      ARDUINO, DORSUM - Dorsale Arduino: corrugamento scosceso al margine ovest del Mare Imbrium, 26N / 36W; lunghezza 110 km.

10.  ARGAND, DORSA - Dorsali Argand: sistema di ripidi corrugamenti a nord-est dei Montes Harbinger, 28N / 40W; lunghezza 150 km.

11.  ASIA MINOR - Asia Minore: voce, ormai in disuso, della nomenclatura lunare di Hevelius (1647), che indicava gli altopiani centrali compresi tra il Mare Nubium a occidente e i Mari Tranquillitatis e Nectaris a oriente.

12.  ASPERITATIS, SINUS - Baia dell'Asperit: vasta insenatura a sud del Mare Tranquillitatis, 6S / 25E; diametro circa 180 km; comunica col Mare Nectaris.

13.  ASTROLOGORUM, MARE - Mare degli Astrologi o degli Astronomi: nella mappa lunare di Langrenus (1645) indicava l'attuale Mare Frigoris.

14.  AZARA, DORSUM - Dorsale Azara: corrugamento in pieno Mare Serenitatis, a nord-est di Bessel, 26N / 20E; lunghezza 110 km.

 

I numeri corrispondono alle strutture con la lettera " A "

 


B - C - D

15.  BARLOW, DORSA - Dorsali Barlow: sistema di corrugamenti nella zona settentrionale del Mare Tranquillitatis, a sud di Vitruvius, 15N / 31E; lunghezza 120 km.

16.  BUCHER, DORSUM - Dorsale Bucher: corrugamento ai confini tra il Mare Imbrium e l'Oceanus Procellarum, a sud di Gruithuisen, 31N / 39W; lunghezza circa 90 km.

17.  BUCKLAND, DORSUM - Dorsale Buckland: corrugamento in prossimit del margine sud-occidentale del Mare Serenitatis, 21N / 12E; lunghezza 150 km.

18.  BURNET, DORSA - Dorsali Burne: sistema di corrugamenti nell'Oceanus Procellarum, a nord-ovest di Herodotus, 27N / 57W; lunghezza 200 km.

19.  CALORIS, TERRA - Terra del Calore o del Caldo: nella mappa lunare del Riccioli, del 1651, indicava le "terre" a ovest dell'Oceanus Procellarum e quelle disposte per gran tratto intorno al Mare Humorum.

20.  CASPIUM, MARE - Mar Caspio: nella mappa lunare di Hevelius (1647) indicava l'attuale Mare Fecunditatis.

21.  CATO, DORSA - Dorsali Catone: sistema di corrugamenti nella parte settentrionale del Mare Fecunditatis, a sud di Taruntius, 1N / 47E; lunghezza 140 km.

22.  CAYEUX, DORSUM - Dorsale Cayeux: corrugamento nella zona centro-settentrionale del Mare Fecunditatis, 1N / 51E; lunghezza 130 km.

23.  CHAMISSO, PROMONTORIUM - Promontorio Chamisso: 19N / 28E, tra il Mare Serenitatis e il Mare Tranquillitatis, di fronte al Promontorio Acherusia. Voce della carta lunare di Lohrmann-Schmidt (1878).

24.  CHERSONESUS - Chersoneso: voce, ormai in disuso, della mappa lunare di Hevelius (1647), che indicava la zona montuosa tra la Palus Somnii e il Mare Crisium,

25.  CHING-TE - Minuscolo cratere presso il margine sud-orientale del Mare Serenitatis, 20N / 30E. Nome assegnato dagli uomini della missione Apollo 17.

26.  CONCORDI, SINUS - Golfo (o Baia) della Concordia: insenatura nella "costa" orientale del Mare Tranquillitatis, a sud della Palus Somni, 11N / 43E.

27.  COTTA (VON), DORSUM - Dorsale von Cotta: corrugamento nella parte occidentale del Mare Serenitatis, 24N / 12E; lunghezza 220 km.

28.  CUSHMAN, DORSUM - Dorsale Cushman: corrugamento nella zona nord del Mare Fecunditatis, a sud di Taruntius, 1N / 49E; lunghezza 80 km.

29.  DELIRIORUM, PENINSULA - Penisola dei Deliri: nella mappa lunare del Riccioli del 1651 indicava gli attuali Montes Riphus (8S / 28W) e i rilievi intorno a Bullialdus e Lubiniezky.

30.  DESCENSUS, PLANITIA - Pianura della Discesa o dell'Atterraggio, luogo (7N / 64W) della prima discesa morbida sul nostro satellite (Luna 9, 3 febbraio 1966)

31.  DOLORIS, LACUS - Lago del Dolore: piccola zona pianeggiante, di forma vagamente circolare, tra i Montes Hmus e il Mare Vaporum, 17N / 9E; diametro circa 110 km.

 

I numeri corrispondono alle strutture con le lettere " B - C - D "

 

E - F - G

32.  EOUM, MARE - Mare Orientale (da dove sorge l'Aurora): nella carta lunare di Hevelius, del 1647, indicava una consistente porzione dell'Oceanus Procellarum a ovest di Kepler. Orientale allora, prima che l'Unione Astronomica Internazionale invertisse (1961) l'est con l'ovest.

33.  EPIDEMIARUM, PALUS - Palude delle Epidemie: a sud-ovest del Mare Nubium, 32S / 27W; 27.000 kmq. La stessa zona, con in pi un'altra porzione per lo pi pianeggiante a nord-ovest, denominata Sinus Epidemiarum nella mappa lunare del Riccioli del 1651, e mantiene questo nome ancora nel 1878 (carta lunare Lohormann-Schmidt).

34.  EPIDEMIARUM, SINUS - Baia delle Epidemie: nella mappa lunare del Riccioli del 1651 indicava la zona pressoch pianeggiante tra il Mare Humorum e il Mare Nubium, ora chiamata Palus Epidemiarum. Il nome era ancora usato nel 1878, nella carta Lohrmann-Schmidt.

35.  ESAM, MONS - Monte Esam: collina presso la "costa" nord-orientale del Mare Tranquillitatis, all'imboccatura del Sinus Amoris, 14,6N / 35,7E; diametro di base 8 km.

36.  ESCLANGON - Piccolo cratere sommerso, con bassi bastioni, a ovest di Macrobius, 21,5N / 42,1E; diametro 16 km. Ex Macrobius L.

37.  EWING, DORSA - Dorsali Ewing: sistema di corrugamenti nella parte meridionale dell'Oceanus Procellarum, a nord di Gassendi, 11S / 38W; lunghezza totale 320 km.

38.  EUXINUS, PONTUS - Ponto Eusino ovvero Mar Nero: voce della nomenclatura lunare di Hevelius, ormai in disuso, che indicava la regione occupata attualmente dai "mari" Serenitatis e Tranquillitatis.

39.  EXCELLENTI, LACUS - Lago dell'Eccellenza: modesta e irregolare zona pianeggiante a sud del Mare Humorum, intorno al cratere Clausius, 36S / 43W; massima lunghezza 150 km. Nonostante la forma latina, il nome recente 1976FABBRONI - Piccolo cratere sul margine settentrionale del Mare Tranquillitatis, a sud-est del Mons Argus, 18,7N / 29,2E; diametro 11 km, altezza 2090 m. Ex Vitruvius E.

40.  FELICITATIS, LACUS - Lago della Felicit: zona pianeggiante dalla forma irregolare, 19N / 5E, a sud dei Montes Apenninus; diametro 90 km.

41.  FERTILITATIS, TERRA - Terra della Fertilit: nella mappa lunare del Riccioli (1651), indica la zona centro-meridionale del disco lunare, quella maggiormente butterata di crateri, da Longomontanus alla Vallis Rheita, da Purbach ai Montes Leibnitz, 50S / 0. Nome abbandonato, come tutti quelli "di terra".

42.  FIDEI, SINUS - Baia della Fede: insenatura sulla "costa" settentrionale del Mare Vaporum, 18N / 2E; lunghezza circa 70 km.

43.  FINSCH - Minuscolo cratere in pieno Mare Serenitatis, 23,6N / 21,3E; diametro 4 km, sommerso dalla lava, non molto evidente.

44.  FULGURUM, PENINSULA - Penisola delle Folgori: a nord-ovest di Ptolemus, 7S / 6W, tra il Sinus Medii e il Mare Nubium. Nome "di tempesta", ormai abbandonato, usato dal Riccioli nella sua mappa lunare del 1651.

45.  FULMINUM, PENINSULA - Penisola dei Fulmini: nome "di tempesta", ormai abbandonato, usato dal Riccioli nella sua mappa del 1651. Indicava quella porzione di "terra", a nord e a ovest di Gassendi, che separa il Mare Humorum dalla parte meridionale dell'Oceanus Procellarum.

46.  GAST, DORSUM - Dorsale Gast: corrugamento nella parte occidentale del Mare Serenitatis, 24N / 9E; lunghezza 60 km.

47.  GAUDII, LACUS - Lago del Gaudio o della Gioia, presso i Montes Hmus, tra Manilius e Menelaus,17N / 13E; diametro 100 km.

48.  GEIKIE, DORSA - Dorsali Geikie: grande sistema di corrugamenti nel Mare Fecunditatis, 3S / 53E; lunghezza 240 km.

49.  GLACIEI, STAGNUM - Stagno o Pantano del Ghiaccio: nella mappa lunare del Riccioli (1651), vasta zona non eccessivamente elevata che va da Meton a Thales, 65N / 30E.

50.  GODDARD - Cratere inondato, con fondo scuro, sul bordo orientale del disco lunare, presso il Mare Marginis, 14,8N / 89E; diametro 89 km.

51.  GRABAU, DORSUM - Dorsale Grabau, nel Mare Imbrium, a nord di Timocharis, 30N / 14W; lunghezza circa 120 km.

52.  GRANDE LAGO NERO - Nome dato da Hevelius, nella sua mappa lunare del 1647, all'attuale circo Plato.

53.  GRANDINIS, TERRA - Terra della Grandine: nella mappa lunare del Riccioli (1651), la zona occupata approssimativamente dagli attuali Montes Alpes; 45N / 5E.

54.  GUETTARD, DORSUM - Dorsale Guettard: modesto corrugamento nel Mare Cognitum, a ovest di Bonpland, 10S / 18W; lunghezza 40 km..

 

I numeri corrispondono alle strutture con le lettere " E - F - G "

 

H - I - J - K - L - M

55.  HARKER, DORSA - Dorsali Harker: sistema di corrugamenti presso la "costa" orientale del Mare Crisium, 14N / 64E; lunghezza 200 km.

56.  HEIM, DORSUM - Dorsale Heim, al margine occidentale del Mare Imbrium, a sud di C. Herschel, 31N / 29W; lunghezza circa 130 km.

57.  HERCYNII o HERCYNIAN, MONTES - Monti Erciniani: catena montuosa a occidente di Otto Struve, 75N / 80W; altezza 1300 mt.

58.  HIEMALIS LACUS - Lago Invernale: zona pianeggiante dal diametro di circa 50 km a sud-ovest di Menelaus, 15N / 14E; diametro 50 km.

59.  HIEMIS, MARE - Mare dell'Inverno: 6S / 79W, dimensioni minime, presso il Mare Autumni, a sud-ovest di Riccioli.

60.  HIGAZY, DORSUM - Dorsale Higazy, corrugamento nel Mare Imbrium, a nord-ovest di Timocharis, 28N / 17W; lunghezza 60 km.

61.  HONORIS, SINUS - Baia dell'Onore: insenatura lungo la "costa" nord-occidentale del Mare Tranquillitatis, 12N / 18E.

62.  HORNSBY - Minuscolo cratere nella parte occidentale del Mare Serenitatis, 23,8N / 12,5E; diametro 3 km.

63.  HUMASON - Minuscolo cratere tra Lichtenberg e Nielsen, nella parte settentrionale dell'Oceanus Procellarum, 30,7N / 56,6W; diametro 4 km. Ex Lichtenberg G.

64.  HUXLEY - Minuscolo cratere presso la parte meridionale dei Montes Apenninus, 20,2N / 4,5 W; diametro 4 km, altezza 840 m. Ex Wallace B.

65.  HYPERBOREA, REGIO - Regione del Nord: nella carta lunare di Hevelius, del 1647, designava tutta la zona di librazione all'estremo nord del disco lunare. Nome ormai abbandonato.

66.  HYPERBORE, PALUDES - Paludi del Nord: nella mappa lunare di Hevelius (1647), indicava l'attuale regione nei pressi di Hendymion e del Lacus Temporis.

67.  HYPERBOREUM, MARE - Nella carta lunare di Hevelius, del 1647, indicava l'attuale Mare Frigoris.

68.  IBN BATTUTA - Piccolo cratere nel Mare Fecunditatis, a nord-est di Goclenius, 6,9S / 50,4E; diametro 12 km. Ex Goclenius A.

69.  INCOGNITA, LUNA - Luna Sconosciuta: regione intorno al polo sud lunare che rimane ancora misteriosa: le Zond sovietiche e i Lunar Orbiter americani, pur avendo sorvolato varie volte la zona, non sono riuscite a procurarci una cartografia completa perch a quelle latitudini il sole non si leva mai pi di qualche grado sopra l'orizzonte e quindi vaste regioni a ridosso di montagne o particolarmente depresse rispetto al livello medio rimangono sempre, o quasi sempre, in ombra.

70.  INSULARUM, MARE - Mare delle Isole: zona pianeggiante a sud di Copernicus, intorno ai crateri Reinhold, Hortensius, Kunowsky, Lansberg, Gambart; diametro circa 900 km. A sud-est di Landsberg vi furono tre atterraggi di veicoli costruiti dall'uomo: a 55 km dal cratere si sfracell, nel 1965, la sonda Lunik 5; a 120 km dallo stesso cratere si posarono il Surveyor 3, nel 1967, e l'Apollo 12, nel 1969.

71.  ITALIA - Nella mappa lunare di Hevelius, del 1647, indicava la porzione settentrionale dei Montes Apenninus.

72.  IVAN - Minuscolo cratere a nord di Prinz (ex Prinz B), 26,9N / 43,3W; diametro 4 km -Ivan: nome maschile russo.

73.  JOY - Piccolo cratere sul margine nord-orientale dei Montes Apenninus, in prossimit del Mare Serenitatis, 25N / 6,6E; diametro 6 km, altezza 1000 m.

74.  KRISHNA - Minuscolo cratere (2,8 km di diametro) nella parte occidentale del Mare Serenitatis, 24,5N / 11,3E.

75.  LENITATIS LACUS - Lago della Dolcezza: zona pianeggiante immediatamente a est di Manilius, 14N / 12E; diametro 80 km.

76.  LIBYA, PARS - Regione Libia: nella carta di Hevelius (1647) indicava la zona lungo il margine sud-occidentale del disco lunare.

77.  LISTER, DORSA - Dorsali Lister: sistema di corrugamenti disposti ad arco nella zona meridionale del Mare Serenitatis, 19N / 22E; lunghezza 290 km.

78.  LUNICUS, SINUS - Baia Lunare: modesta insenatura a nord di Archimedes e a ovest di Aristillus, 32N / 1W; luogo del primo contatto di una sonda spaziale con la luna.

79.  MANN, TERRA - Terra della Manna (manna, cibo caduto dal Cielo agli Ebrei, nel deserto). Nella mappa lunare del Riccioli (1651) indicava la zona montuosa tra il Mare Nectaris e il Mare Fecunditatis; 10S / 40E.

80.  MAURITANIA - Nella nomenclatura di Hevelius (1647), porzione di "terra" a sud-ovest dell'attuale Sinus Iridum

81.  MAWSON, DORSA - Dorsali Mawson: sistema di corrugamenti nel Mare Fecunditatis, a nord-est di Goclenius, 7S / 53E; lunghezza 180 km.

82.  MEDITERRANEUM, MARE - Mare Mediterraneo: nella mappa lunare di Hevelius (1647) indicava le vaste zone pianeggianti a nord e a sud dell'attuale cratere Copernicus.

83.  MORO, MONS - Monte Moro: rilievo lungo circa 10 km, situato su un corrugamento nel Mare Cognitum, 12S / 20W.

84.  MORTIS, PALUS - Palude della Morte: nella mappa lunare di Hevelius, del 1647, indicava il Mare Crisium.

 

I numeri corrispondono alle strutture con le lettere " H - I - J - K - L - M "

 


N - O - P - R

86.  NICOL, DORSUM - Dorsale Nicol: piccolo corrugamento che si diparte dai Dorsa Lister, presso il margine meridionale del Mare Serenitatis, 18N / 23E; lunghezza 50 km.

87.  NIGGLI, DORSUM - Dorsale Niggli, piccolo corrugamento a nord di Herodotus, 29N / 52W; lunghezza 50 km.

88.  NIMBORUM, PALUS - Palude dei Nembi o dei Temporali: nella mappa lunare del Riccioli, del 1651, zona per lo pi pianeggiante a sud-ovest del Sinus Medii.

89.  NIVIS, TERRA - Terra della Neve: nella mappa lunare del Riccioli (1651), indicava la zona dei Montes Apenninus.

90.  NOBILI - Cratere lungo il margine orientale del disco lunare, tra il Mare Spumans e il Mare Smythii, 0,2N / 75,9E; diametro 42 km. Ex Schubert Y.

91.  ODII, LACUS - Lago dell'Odio: tra i Montes Apenninus e i Montes Hmus, 19N / 7E; diametro 70 km.

92.  OPPEL, DORSUM - Dorsale Oppel: notevole corrugamento parallelo alla "costa" nord-occidentale del Mare Crisium, 19N / 52E; lunghezza 300 km.

93.  ORIENTALES, PALUDES - Paludi Orientali: nella mappa lunare di Hevelius, del 1647, il nome indicava la zona pianeggiante a sud dell'attuale Sinus Roris. Perch venissero chiamate orientales, e non piuttosto occidentales, chiarito nella voce precedente.

94.  OWEN, DORSUM - Dorsale Owen: corrugamento, lungo 50 km, nella parte occidentale del Mare Serenitatis, 25N / 11E.

95.  PACIS, TERRA - Terra della Pace: voce, ormai in disuso, della nomenclatura lunare di Langrenus.

96.  PALSTINA - Palestina: voce, ormai in disuso, della nomenclatura lunare di Hevelius (1647), che indicava la zona a ovest e a sud di Tycho.

97.  PENCK, MONS - Monte Penck: massiccio montuoso a sud-ovest di Theophilus, 10S / 22E; altezza 4000 m, diametro 30 km.

98.  PERSEVERANTI, LACUS - Lago della Perseveranza, piccola zona pianeggiante a nord-ovest di Firmicus, tra il Mare Crisium e il Mare Undarum, 8N / 62E; diametro 70 km.

99.  PERSIA - Persia: voce, ormai in disuso, della nomenclatura lunare di Hevelius (1647), che indicava la zona montuosa sud-orientale del disco lunare.

100.                     PETIT - Minuscolo cratere presso il Mare Spumans, 2,3N / 63,5E; diametro 5 km. Ex Apollonius W.

101.                     PROPONTIS - Propontide, oggi Mar di Marmara: nalla carta lunare di Hevelius, del 1647, designava l'attuale Mare Vaporum.

102.                     PRUIN, TERRA - Terra della Brina: nella mappa lunare del Riccioli (1651), porzione di "terra" tra il Sinus Iridum e il Sinus Roris; 52N / 35W.

103.                     PUPIN - Minuscolo cratere nel Mare Imbrium, a sud-est di Timocharis, 23,8N / 11W; diametro 2 km, altezza 400 m. Ex Timocharis K.

104.                     REGIO MAGNA OCCIDENTALIS - Grande Regione Occidentale: l'insieme dei mari Serenitatis e Tranquillitatis nella terminologia dello scienziato inglese William Gilbert, che osservava a occhio nudo, prima dell'avvento del telescopio. Tale nomenclatura non sopravvisse. Occidentale dal punto di vista di chi osserva dalla terra, ma in realt orientale.

105.                     REGIO MAGNA ORIENTALIS - Grande Regione Orientale: nella nomenclatura dello scienziato inglese William Gilbert (che osservava prima dell'avvento del telescopio) indica la zona del Mare Imbrium. Orientale dal punto di vista di chi osserva dalla terra, ma in realt occidentale.

106.                     ROCCO - Minuscolo cratere a nord di Aristarchus, prossimo al bordo di Krieger, 28,9 N / 45W; altezza 880 m, diametro 4,4 km. Ex Krieger D.

107.                     ROMANIA - Nella nomenclatura di Hevelius (1647) indica la porzione sud dei Montes Apenninus.

108.                     RUBEY, DORSA - Dorsali Rubey: sistema di corrugamenti nell'Oceanus Procellarum meridionale, a nord di Letronne, 8S / 43W; lunghezza circa 100 km.

109.                     RUTH - Cratere minuscolo a nord di Aristarcus, prossimo al bordo di Krieger, 28,7 N / 45,1 W; diametro 3 km.

 

I numeri corrispondono alle strutture con le lettere " N - O - P - R "

 


S - U

110.                     SAMPSON - Minuscolo cratere nel Mare Imbrium, a nord-ovest di Timocharis, 29,7N / 16,5W; diametro 1,5 km.

111.                     SANITATIS, TERRA - Terra della Salute: nella mappa lunare del Riccioli (1651), porzione di "terra" a ovest del Mare Tranquillitatis e del Mare Nectaris.

112.                     SANTOS-DUMONT - Piccolo cratere nella parte settentrionale dei Montes Apenninus, 27,7N / 4,8E; diametro 9 km. Ex Hadley B.

113.                     SAPIENT, TERRA - Terra della Saggezza: voce, ormai in disuso, della nomenclatura lunare di Langrenus (1645).

114.                     SARABHAI - Piccolo cratere in pieno Mare Serenitatis, 24,7N / 21E; diametro 7,6 km, altezza 1660 m. Ex Bessel A-

115.                     SARMATIA EUROPEA, PARS - Regione Sarmazia Europea: nella mappa lunare di Hevelius (1647), indicava l'attuale Mare Humboldtianum.

116.                     SCHEELE - Cratere molto piccolo a nord di Gassendi, 9,4S / 37,8W; diametro 5 km, altezza 750 m. Ex Letronne D.

117.                     SCILLA, DORSUM - Dorsale Scilla, nella parte settentrionale dell'Oceanus Procellarum, fra Lichtenberg e Nielsen, a ovest dei Dorsa Whiston, 32N / 60W; lunghezza circa 120 km.

118.                     SCYTHIA, PARS - Regione Scizia: nella mappa di Hevelius (1647) indicava i rilievi a est del Mare Fecunditatis.

119.                     SERPENTINE RIDGE - Corrugamento Serpentino: ondulazione che serpeggia da nord a sud nel tratto orientale del Mare Serenitatis, 25N / 25E; ha un'altezza media di 150 m. La sua parte settentrionale nota come Dorsa Smirnov (vedi).

120.                     SICCITATIS, TERRA - Terra della Siccit: nella mappa lunare del Riccioli, del 1651, estensione di "terra" a nord del Sinus Roris e del Mare Frigoris.

121.                     SMIRNOV, DORSA - Dorsali Smirnov: la porzione settentrionale della Serpentine Ridge (vedi), nella parte orientale del Mare Serenitatis, 25N / 25E, lunghezza 1300 km.

122.                     SPEI, LACUS - Lago della Speranza: piccola zona pianeggiante a nord-est di Messala e Schumacher, 43N / 65E.

123.                     SPURR - Resti di un cratere sommerso nella Palus Putredinis, 27,9N / 1,2W; diametro 13 km. Ex Archimedes K.

124.                     STERILITATIS, TERRA - Terra della Sterilit: nella mappa lunare del Riccioli (1651) indica quella porzione di "terra" disposta lungo il margine sud-ovest della luna, intorno al Mare Parvum, interamente in zona librazione.

125.                     STILLE, DORSA - Dorsali Stille: sistema di ripidi corrugamenti nel Mare Imbrium, a nord-est di Lambert, 27N / 19W; lunghezza 80 km.

126.                     SUCCESSUS, SINUS - Baia del Successo ovvero della Buona Riuscita: insenatura sulla "costa" nord-orientale del Mare Fecunditatis, presso il Mare Spumans, 1N / 58E; diametro 100 km.

127.                     USOV, MONS - Monte Usov, emerge dalle lave presso il margine sud-orientale del Mare Crisium, 12N / 63E; diametro di base 15 km.

 

I numeri corrispondono alle strutture con le lettere " S - U "

 


V - Z

128.                     VISL - Piccolo cratere a nord di Aristarcus, 25,9N / 47,8W; diametro 8 km. Ex Aristarcus A.

129.                     VENTORUM, INSULA - Isola dei Venti: nella mappa lunare del Riccioli (1651), i rilievi disposti intorno a Kepler.

130.                     VERA - Minuscolo cratere prossimo al bordo settentrionale di Prinz, 26,3 N / 43,7 W; altezza 180 m, diametro quasi 5 km. Ex Prinz A.

131.                     VERIS, LACUS (o MARE) - Lago (o Mare) della Primavera: stretto "mare" all'interno dei Montes Rook, sul margine ovest della luna, 13S / 87W; composto da diverse aree scure, per un totale di 12.000 kmq.

132.                     VERY - Piccolo cratere nella zona orientale del Mare Serenitatis, sui Dorsa Smirnov, 25,6N / 25,3E; diametro 5 km, altezza 950 m. Ex Le Monnier B.

133.                     VIGORIS, TERRA - Terra del Vigore: nella mappa lunare del Riccioli (1651), la zona montuosa a sud del Mare Crisium.

134.                     VINOGRADOV, MONS - Monte Vinogradov: gruppo di montagne a sud-ovest di Euler, 22,4N / 43,4W; diametro di base 25 km. Ex Mons Euler.

135.                     VIT, TERRA - Terra della Vita: nella mappa lunare del Riccioli (1651), ampia distesa montuosa a nord del Mare Crisium, fino ad Atlas ed Endymion, occupata in gran parte dai Montes Taurus.

136.                     WALLACH - Piccolo cratere nel Mare Tranquillitatis, 4,9N / 32,3E; diametro 6 km, altezza 1140 m. Ex Maskelyne H.

137.                     WHISTON, DORSA - Dorsali Whiston, sistema di dorsali parte settentrionale dell'Oceanus Procellarum, a est del Dorsum Scilla, tra Lichtenberg e Nielsen, 30N / 57W; lunghezza circa 120 km.

138.                     ZINNER - Minuscolo cratere (4 km di diametro) a nord-ovest di Herodotus, 26,6N / 58,8W. Ex Schiaparelli B.

139.                     ZIRKEL, DORSUM - Dorsale Zirkel: nel Mare Imbrium, a nord-ovest di Lambert, 29N / 24W; lunghezza circa 210 km.

 

I numeri corrispondono alle strutture con le lettere " V - Z "

 


>> Return to Home page <<

>> Return to Ancient astronomy <<